Avanti Un Altro Bonolis Recensione: erudizione, simpatia e gioco della sorte…

Avanti-un-altro-Prima-puntata-Paolo-Bonolis-Canale-5-e1315221113363

Avanti un altro, il nuovo game quiz del preserale di Canale 5, alla fine è partito in quarta. Merito e non è poco di un presentatore di alta levatura che riesce, effettivamente, a trasformare in oro tutto ciò che tocca, sapendo commisurare erudizione e gusto popolare, ironia e sagacia e non risultando così, mai noioso o eccessivamente zelante, al grande pubblico. Se poi la coppia televisiva è rimasta intatta, anche in questa esperienza televisiva, il successo è garantito, sebbene il “maestro” Luca Laurenti non abbia molto spazio, per ciò che ci è dato vedere nella prima puntata, per farsi “strada” tra i monologhi incalzanti del loquace Bonolis. Il tempo di una risata, di una discesa da un palo e di una domanda “special” e Laurenti è poi rispedito a “fare i compiti” a fondo scena. 1.450.000 euro il montepremi da urlo suddiviso in tante piccole “dosi” da estrarre, di volta in volta, da una cornucopia ruotante. Come afferma giustamente Bonolis, per aggiudicarsi il montepremi finale, servono intelligenza, fortuna, ma soprattutto, buona sorte. E la buona stella della prima bionda e potenziale vincitrice non ha brillato, visto che, nonostante lo strenuante sforzo, nello sprint finale, se n’è andata a mani vuote, col dispiacere del conduttore.

Avanti un altro va in onda in uno studio che Laurenti, giustamente, accosta ad una rotatoria, con tanto di frecce direzionali. Ma gli aspiranti concorrenti, costretti ad una lunga attesa in piedi, passano più dalla porta scorrevole di un supermercato, prima di raggiungere il talentuoso conduttore e la loro sorte ludica.

La prima parte del gioco è denominata Avanti Il Primo. Il conduttore lancia l’argomento sul quale verranno poste 4 domande al concorrente, sulla base di due opzioni. Per poter “pescare” nella fonte del “Dio denaro” serviranno ben tre risposte esatte. Altrimenti, l’eliminazione è diretta. Il primo concorrente, dopo aver pescato il suo bottino, può già decidere di fermarsi. Starà poi al concorrente successivo il cercare di superarlo, per spodestarlo dal trono del potenziale vincitore che ha a sua disposizione anche un invitante banchetto con drinks e salatini.

A movimentare il ferreo regolamento ci pensa il Minimondo che, da dietro le quinte, ogni tanto, fa irruzione sulla scena, dando ogni volta, con allegria, la possibilità al concorrente di rispondere ad una domanda oppure indovinare una canzone. Se la risposta sarà esatta, il fortunato potrà accedere alla ricca cornucopia. In caso contrario, non accade nulla, fortunatamente, e si procede col consueto iter di domande. Avete visto i simpaticissimi cantanti cinesi che orientalizzavano una canzone più che nostrana? Stava al concorrente indovinarla e concedersi così la possibilità di metter su un bel gruzzoletto per spodestare il campione in carica! All’interno dell’urna, sono presenti anche 5 pariglie. Cosa sono? Sono cinque possibilità per raggiungere direttamente il montepremi accumulato dall’attuale campione!

Il gioco va avanti tra le gag del conduttore e la sua innata verve comica. Procede un po lento, ma poi, sul finale si fa avvincente e quasi elettrizzante. A dieci minuti dalla conclusione della trasmissione, un gong fa scattare un cronometro. Da allora, chi si siederà davanti a Paolo, avrà cinque minuti esatti per cercare di accumulare un bottino più corposo di quello del potenziale campione seduto sul trono. Il gioco si fa così interessante e al cardiopalma.

Il game finale che permetterà al campione di portare a casa ciò che ha pescato dall’urna, unito a 100.000 euro messi a disposizione dalla produzione, è particolarmente insidioso. In 150 secondi, il concorrente dovrà dare , l’una via l’altra, 21 risposte. Ma non dovrà dare la risposta esatta, bensì quella sbagliata. Un percorso mentale contorto in condizioni di pressione o stress. Ogni volta che il campione sbaglia, Bonolis riparte con le infide domande. Allo scadere dei 150 secondi, c’è unìultima possibilità per non andare a casa a bocca asciutta e sono altri 100 secondi, ma, stavolta, ad ogni secondo, 10.000 euro svaniscono. Le premesse per un quiz autunnale interessante ci sono tutte, ma con un mentore come Bonolis, avanti un altro successo!