Baila Canale 5 Concorrenti: sospeso e in attesa di giudizio…

Baila-Ballando_tribunale

Stando alle ultime news messe in circolazione dal sito del settimanale Oggi, il nuovo talent di Canale 5, Baila, pubblicizzato a destra e a manca e pronto a fare il suo debutto in tv lunedì 26 settembre 2011 in prima serata, è stato sospeso dal Tribunale civile di Roma e messo in attesa di giudizio, il quale verrà reso noto solo nella mattinata di lunedì, decidendo così il futuro della trasmissione. Immagino, quindi, che Barbara D’Urso (al timone del programma), Roberto Cenci (alla regia) e tutta Mediaset passeranno questo fine settimana con il fiato sospeso a sgranare il rosario, confidando nella “giustizia”…

Il tutto parte, come ormai sappiamo, dalla causa intentata mesi fa da Milly Carlucci, la padrona di Casa di Ballando Con Le Stelle, la quale appena Baila ha fatto capolino nei progetti per la nuova stagione Mediaset si è scatenata in tutta la sua furia, citando in giudizio il programma come ipotetico “clone”. Ma nulla sembrava poter fermare il talent, che procedeva dritto e spedito verso la propria realizzazione, reclutando vip da trascinare in pista e cercando di mettere insieme una squadra di concorrenti pronta ad affiancare quella dei famosi in una serie di coreografie puntate, più che altro, sui balli sudamericani. Tant’è che se da una parte la D’Urso non fa che parlarne, sia a Pomeriggio Cinque che in tutti gli altri programmi in cui è ospite (per una promozione d.o.c), dall’altra sono ormai giorni che in tv si vede la pubblicità di Baila che ci ricorda l’appuntamento con la sua puntata numero uno in onda lunedì 26 su Canale 5 in prima serata. Perchè, dunque, la decisione di sospenderlo fino a nuovo ordine? O meglio, perchè non decidere in precedenza di cancellarlo e via? Si tratta forse di un’ennesima manovra pubblicitaria, giusto per non farci mancare niente? Della serie attiriamo più attenzione possibile così da avere un debutto con il “botto”? In effetti non è difficile credere a quest’ultima opzione, se non fosse per la presenza del nome di Milly in mezzo a tutta la faccenda, che a me personalmente dona un senso di credibilità notevole a tutto l’ambaradan. Le intenzioni della regina degli ascolti del sabato sera su Rai Uno, a mio modesto avviso, risultano serie e precise nel difendere il suo Ballando da un possibile plagio, sebbene (come sostiene Cenci) i giudizi siano scattati ancor prima di averlo visto questo benedetto (o forse “maledetto”) Baila. C’è da dire, poi, che a dare manforte alle accuse della Carlucci (sostenuta da mamma Rai) è arrivata da oltreoceano la BBC che senza alcun pelo sulla lingua e in possesso da sempre dei diritti sul Ballando Con Le Stelle americano (da cui è tratto il telent di Milly), ha citato la trasmissione in questione per illecita concorrenza.

Insomma, qui tocca realmente che Mediaset si attacchi a tutti i santi che conosce, anche perchè se per caso il Tribunale desse il via libera, il programma stesso dovrebbe dimostrare di essere realmente differente in tutto e per tutto (al di là del ballo) al format dell’assai più famoso Ballando. Ci riuscirà? Non si sa. Noi, intanto, restiamo in trepida (si fa per dire) attesa della sentenza giudiziaria che verrà depositata nella mattinata di lunedì, sperando comunque che l’istanza venga rigettata in modo da soddisfare la nostra curiosità (pompata a dovere durante l’estate) attraverso la visione di questo nuovo show. A meno che la Carlucci, esasperata, non piazzi una specie di bomba fatta in casa sotto la pista dello studio nel quale andrà in onda Baila, mandando tutti a gambe all’aria ancor prima di cominciare…