Californication 5 Stagione: dopo lunghe preghiere Hank Moody è tornato!

californication-stagione-4-500-x-484

L’astinenza a cui noi fan ci siamo dovuti obbligatoriamente attenere è stata lunga e dolorosa, ma se l’attesa del piacere è essa stessa piacere (come era solito dire Oscar Wilde), arrivati a questo punto dovremmo poter esplodere dalla contentezza visto che il primo episodio della quinta stagione di Californication è finalmente andato in onda in quel degli Stati Uniti! Ebbene sì, amici e serie tv-dipendenti, il nostro scrittore preferito, Hank Moody, è tornato più sexy e in forma che mai, pronto a sconvolgerci nel corpo e nell’animo con 12 nuovi episodi a dir poco imperdibili.

Il telefilm in questione, ideato da quel gran genio di Tom Kapinos e interpretato dal perfetto (in questo ruolo) David Duchovny, è il classico show che per come è diretto, recitato e per quello che racconta può essere solo amato alla follia oppure odiato con tutte le forze. Non ci sono mezze misure, per intenderci. I bacchettoni, i moralisti, coloro che non hanno mai vissuto la vita con ironia, leggerezza e pelo sullo stomaco, come invece fa il nostro Hank (prendendosi delle “tranvate” in faccia mica da ridere!), i perbenisti, quelli che si scandalizzano per un niente, quelli che rispettano tutte le regole possibili e immaginabili e conducono la propria esistenza trasudante tabù, beh, sfuggono Californication come la peste, probabilmente, additando la serie come un cumulo di volgarità gratuite, prive di un filo logico che le possa anche solo accomunare. In realtà, l’eventuale volgarità legata a scene e a un certo tipo di linguaggio è meglio interpretata dallo sguardo attento e “superiore” dei telespettatori capaci di afferrare l’autenticità delle cose, senza nascondersi dietro un dito o all’interno delle mura di casa propria per comportarsi in un certo modo e dire quello che in verità pensano sugli altri, sul mondo e su loro stessi.

Hank Moody, scrittore newyorkese che fra alti e bassi è riuscito a divenire famoso (pur perdendo a fasi alterne la stima di sua figlia Becca e l’amore dell’ex-compagna-e madre della ragazza-Karen), non ha paura di fare e dire ciò che vuole e ciò che sente, sbattendocelo in faccia in ogni modo possibile, con la sola incapacità di fermarsi. Di identificare un punto fermo e solido all’interno del suo maremoto interiore. Timore delle responsabilità, come la maggior parte degli uomini? Impossibilitato all’abituarsi alla monogamia? Ovviamente… pur amando Karen alla follia. Dove risiede dunque il problema, al di là del tenere a galla la propria esistenza, prendendosi la briga di smetterla di vivere come se ancora fosse all’università e di smetterla di ragionare con il cervello “basso”? Di preciso non si sa… Avere paura di rimanere solo, desiderando la sua famiglia accanto, ma divenendone intollerante poco dopo? Desiderare il successo e l’affermazione da parte di chi lo ama e di ancora non lo conosce, pur facendo finta di fregarsene? La verità, forse, è che a volte arrivare anche solo alla fine di una lunga giornata può sembrare tanto meraviglioso quanto difficile…

L’inizio di questa quinta stagione, specie per chi ha seguito le quattro precedenti, ci catapulta avanti di quasi tre anni da quando abbiamo lasciato Hank vagare solitario verso casa, dicendo per l’ennesima volta “addio” alle due donne della sua vita… Ora, Moody è nuovamente sulla cresta dell’onda. Il suo ultimo romanzo, Californication, è in vetta alle classifiche e tutti sembrano voler avere a che fare con lui tranne la sua ex (una tizia spuntata dal nulla), che dopo più di un anno di relazione credeva di sposarlo e invece viene scaricata come un fazzolettino usato…dandogli quindi fuoco alla casa. Questo con Karen che sembra essersi rifatta una vita a Los Angeles con un nuovo compagno, la figlia Becca che ormai frequenta il college (e un ragazzo assai poco raccomandabile) e l’immancabile Charlie Runkle, migliore amico nonché suo agente, che ora si ritrova padre di un bambino avuto dalla sua ex-moglie Marcy. Chi ha già avuto modo di vedere il primo episodio sa bene di che cosa parlo… Un debutto che ha del grandioso e che non può non prenderci dalla testa ai piedi, inondandoci di gioiosa e succulenta curiosità!

E’ dunque scontato, da parte mia, consigliare la visione di Californication a chi di voi ancora non l’ha vista, ricordando a tutti gli altri fan che la 5 stagione ha avuto il via… Chiaro il punto, no?