Cenerentola Fiction Rai Uno: anticipazioni, cast, trama

lux-vide-cenerentola-rai-uno

La fiaba di Cenerentola è qualcosa di intramontabile, che va ben oltre il celebre lungometraggio animato della Disney, per altro bellissimo. Vi è l’eterna condizione della “vittima” sognatrice che sembra sapere (anche se solo a livello inconscio) che comportandosi bene e dicendo sempre di sì a tutti prima o dopo otterrà il Paradiso… ossia il Principe Azzurro. Quindi vengano pure avanti le angherie da parte di sorellastre brutte e antipatiche (come solitamente sono i cattivi nelle storie narrate) e il perfido autoritarismo sfoderato dalla classica matrigna che, chissà perchè, deve sempre e per forza detestare la figlia del defunto marito, quasi quest’ultimo non se la fosse data in anticipo che andava a sposarsi una donna priva di spirito, di nobili principi, senza alcuna pietà e in definitiva priva di quel meraviglioso muscolo che ci tiene in vita chiamato cuore. Ma non vi è alcuna ragione per abbattersi, dico bene? Perchè Cenerentola, qualsiasi cosa accada, sa abbassare la testa, sorridere (magari fra le lacrime) e dire grazie, ben contenta di espiare anche tutte le pene del mondo se occorre. Tanto lei dalla sua che cos’ha? Un tetto sopra la testa, un gruppo di topolini amici, le galline nell’aia, il cane, gli uccellini, una zucca e niente popò di meno che una Fata Madrina! Perciò, dopo aver dimostrato per tutta la sua giovane vita di avere l’animo più puro, buono, onesto e caritatevole che esista ecco aprirsi anche per lei le porte della meritata felicità (vale a dire il cancello del castello del Principe), perchè come ormai canticchiamo tutti a memoria da anni: il sogno realtà diverràààà…! E vissero per sempre felici e contenti.

Molto bene benissimo. Ora però proviamo a variare un po’ le cose… Niente topi, gatti, cani, uccelli e altri animali. Niente zucche in stile Halloween che poi si trasformano in carrozze (magari averne una in autostrada quando ti si ferma la macchina!). Eliminiamo anche il simpatico Monocolao, consigliere del Re e stravolgiamo il caro Principe, in modo da fargli perdere quell’aria da ebete in divisa pronto solo ad aprire bocca e a dire frasi fatte (copiate dai cioccolatini). Cosa otteniamo? Una nuova versione di Cenerentola prodotta da Rai Fiction e Lux Vide con Vanessa Hessler nei panni della bionda e candida protagonista e Flavio Parenti in quelli del “principe”.

Una news, questa, anticipata al Roma Fiction Fest di quest’anno, dove Luca e Matilde Barnabei (i produttori) hanno presentato la miniserie in questione, dicendosi entrambi molto soddisfatti del progetto e del risultato ottenuto. E se Matilde si è soffermata sulla fiction in generale, sperando che ciò che andremo a vedere in questi mesi a venire ci rimanga nel cuore e nella mente, suo fratello Luca si è addentrato in dettagli tecnici, spiegando che Cenerentola è stata girata in qualità full HD. Altri sono stati ovviamente i commenti degli interpreti, come ad esempio il protagonista maschile, Flavio Parenti, il quale ha sostenuto che la fiction, essendo una favola, ci darà l’occasione di riscoprire il bambino che è in noi.

Siamo negli anni Cinquanta, dove i balli in effetti si organizzavano ancora (in maschera o no) e i vari duca, conte e altezza reale sono stati sostituiti da ricchissimi rampolli di nobili origini che come al solito non sanno bene come impiegare il loro tempo se non andando in giro a spassarsela, dissipando il denaro di famiglia. In tutto ciò vi è una giovane e ovviamente bella fanciulla di nome Aurora (giusto per darle anche quel tocco di Bella Addormentata Nel Bosco che non guasta mai) che dopo la morte del padre è stata costretta dalla sua matrigna ad abbandonare gli studi di pianoforte e lavorare come cameriera, serva o se preferite schiava tuttofare nella loro dimora trasformata in hotel di lusso. Come tradizione vuole, la nostra Cenerentola-barra-Aurora, maltrattata dalla perfida donna e dalle due figlie di quest’ultima, trova conforto (e riposo) nascondendosi nella mansarda a suonare il suo finto pianoforte disegnato sul davanzale della finestra… cioè, roba veramente tremenda! Un giorno, la sua vita subisce uno scossone (anche perchè peggio di così non poteva proprio andare) e Aurora si innamora del vicino, un giovanotto di nome Sebastian che si scoprirà essere figlio di un nobile austriaco. Tale colpo di fulmine (solo da parte di lei) la accompagna per gli anni a venire, fino a quando, sempre per caso, i due si incontreranno di nuovo. Ora Aurora è adulta, una giovane donna e Sebastian, per quanto “principesco” sembra essere il classico snob, cinico da far paura e col cuore inaridito dal lavoro e dagli affari, che invece di raccogliere in giro scarpe di cristallo a povere fanciulle indifese è capace di investirle con la macchina! Riuscirà Aurora a riconquistarlo o dovrà accontentarsi del davanzale-pianoforte per il resto della sua vita? E se per caso vi state chiedendo che fine abbia fatto la Fata Madrina, tranquilli, perchè ci sarà travestita da ricca manager capace di insegnare a Cenerentola il perchè dell’esistenza dei centri benessere.

Ecco il trailer qui di seguito:

httpv://www.youtube.com/watch?v=wtLbA_62Oik

In definitiva l’ennesima storia romantica (di cui non ci stanchiamo mai) dove l’unica pecca, forse, è quella di un’attrice protagonista che non solo è doppiata, ma risulta la classica “bella che non balla” e quindi poco credibile. Per il resto non ci lamentiamo… o almeno non prima di aver visto tutto, dalla prima all’ultima puntata, sperando che i vari accorgimenti fatti alla trama ci riservino qualche sorpresina senza per forza affibbiarci la solita fiaba vista e rivista, per non dire imparata a memoria!