Desperate Housewives 8: l'ottava stagione segna la fine di un'epoca…

DesperateHousewives_01

“Disperate” lo siamo noi (casalinghe e non) all’idea che una delle nostre serie tv preferite decida di mollarci così, dopo “solo” 8 stagioni! Mi riferisco naturalmente a Desperate Housewives e alla notizia (fino a domani non ancora ufficiale, sebbene da tempo anticipata) che quest’ultima stagione, in onda negli Stati Uniti a partire dal 25 settembre 2011, segnerà la fine del telefilm. Niente più futuro per le nostre donne preferite. Le avventure di Lynette, Bree, Susan e Gabrielle finiscono così, con mille motivazioni e senza un perchè reale in grado di consolare noi fan, noi affezionate a tutte le loro storie e i loro mille casini…

Il prossimo maggio, perciò, calerà definitivamente il sipario su di un’epoca. Uno “pezzo” di tempo assai significativo. Otto anni in cui il pubblico di tutto il mondo (in maggioranza femminile) si è radunato davanti alla tv di casa per seguire la vita delle “casalinghe” più divertenti, passionali, incasinate, tormentate, ironiche e combattive che si possano conoscere, facendo di Desperate Housewives uno dei serial di maggiore successo dell’ultimo decennio. Questo grazie ovviamente alla dose di dramma e commedia, di mistero, di giallo alla Jessica Fletcher, di battute al vetriolo e di atmosfere in perfetto stile soap opera. Ma anche alla sublime interpretazione delle sue protagoniste, ogni anno più folli, più adorabili, più sincere, più nevrotiche e sentimentalmente instabili: Felicity Huffman, Marcia Cross, Teri Hatcher ed Eva Longoria Parker.

La cosa strana, in tutto ciò, è la reazione delle 4 attrici che a differenza di molte loro colleghe si sono dette tristi e scioccate dalla notizia (stando a quello che riposta il Deadline), quasi come se tutti questi anni “bloccate” nello stesso personaggio non le abbiano minimamente stufate, in contrasto con numerose altre star che appena dopo due o tre stagioni di una qualche serie iniziano a sbuffare e a “scalciare”, desiderando qualcosa di nuovo, con il terrore di ristagnare in un solo ruolo ed essere ricordate solo per quello… E magari il loro è un semplice stato “mentale”. Si erano convinte che il telefilm sarebbe durato fino al 2013, seguendo così le nove stagioni concepite da Marc Cherry (papà-creatore della serie) con tanto di rinnovo del contratto. Invece niente. Duro colpo per noi e duro colpo per il cast. Lo show chiuderà i battenti l’anno prossimo, fine della storia, chi c’è c’è e chi non c’è si arrangia!

Sembra, comunque, che molto dipenda proprio dal signor Cherry il quale, zitto-zitto (forse non pensando di fare nulla di “male”) ha abbandonato con l’ultima puntata andata in onda il ruolo di produttore esecutivo e di showrunner, rimanendo consulente dello show. Questo per avere più tempo a disposizione da dedicare ad altri progetti (che sia lui ad essersi stancato per primo, dunque?). Di conseguenza il Network ABC ha deciso di dire addio a una delle serie che gli ha regalato numeri da record negli ultimi anni, i quali sono stati in grado di risollevare le sorti della rete che nel 2004 navigava in acque a dir poco brutte! Ci rendiamo conto? Per certi versi tale reazione potrebbe pure essere scambiata per ingratitudine. Ma è pur vero che a farmi parlare così è la “tristezza” nell’apprendere che non ci sarà più nessuna Wisteria Lane a farci compagnia…

Poi, certo, ci sono anche un sacco di pettegolezzi da “dietro le quinte” che sommandosi l’uno all’altro hanno probabilmente trascinato il telefilm in un vortice sempre più intenso che poteva condurre solamente alla “rottura” definitiva. Come ad esempio la causa intentata da Nicollette Sheridan (interprete del personaggio di Edie Britt) contro Marc Cherry in persona, accusandolo di averla fatta licenziare per il fatto di essersi ribellata a lui di fronte a un comportamento ritenuto dall’attrice violento. Poi c’è stata la voce che voleva Tery Hacter (la Susan Mayer della serie) intenzionata a mollare tutto per dedicarsi a un altro lavoro scritto dallo stesso Cherry. E altre “robette” del genere…

Che siano state vere o false, montate o no al solo scopo di tagliare le gambe allo show in questione non ci interessa, perchè la fine è comunque arrivata, travolgendoci come una valanga! Di certo il nostro pensiero in questo momento non va a Felicity Huffman, Marcia Cross, Teri Hatcher ed Eva Longoria Parker e non perchè non ce ne possa fregare di meno, ma semplicemente per il fatto che siamo sicure troveranno presto nuovi progetti a cui dedicarsi, sia per il piccolo che per il grande schermo. La “desolazione” di fondo è più legata alle quattro amiche del quartiere più fittizio che ci possa essere in America, Lynette, Bree, Susan e Gabrielle: ci mancherete, ragazze, non si può dire quanto!