Dracula: dopo numerosi film, l'ultimo in 3D, la NBC vuole la serie tv!

bela

Lo so, cari miei, alcuni di voi leggendo il titolo del mio articolo si saranno messi le mani nei capelli scuotendo la testa, della serie: nooo! Basta vampiri, vi prego! E’ un’epidemia! Nulla di più vero, gente… Il mito del vampiro esiste da tempo infinito, prima tramandato sotto forma di leggenda, poi narrato attraverso i primi romanzi (dove il Dracula di Bram Stoker è riconosciuto come il numero uno, sebbene a lanciare la storia nella letteratura sia stato Polidori), i quali di conseguenza hanno piacevolmente subito la trasposizione su grande schermo (capolavoro assoluto è il Dracula del 1931 interpretato da Bela Lugosi).

Tutto ciò con fasi alterne, ovviamente, perchè se è vero che Dracula e tutta la sua progenie hanno da subito affascinato una vasta fetta di lettori e cinefili, che sono andati ad aumentare negli anni, bisogna ammettere che l’andamento di questo fenomeno è stato abbastanza oscillante… E’ tornato ad esempio in auge (toccando picchi notevoli) negli anni Novanta, passando per gli intensi romanzi di Anne Rice fra cui Intervista Col Vampiro (rispolverato dagli anni Settanta), che ha segnato una vera e propria rinascita per il mito dei succhiasangue, specie dopo essere divenuto un film nel 1994, con nel cast niente popò di meno che Tom Cruise, Brad Pitt, Antonio Banderas e Christian Slater!

I fan crebbero ancora di più, inutile dirlo, e nella scia di quell’entusiasmo per tutto ciò che poteva essere oscuro, affascinante e misterioso, cominciarono a spuntare fuori molti altri scrittori con romanzi incentrati sui “principi della notte”, rifacendosi ad antichi racconti o inventandosene di nuovi… fino ad arrivare all’ormai più che famosa Stephenie Meyer e alla sua famigerata saga letteraria che ha scosso il mondo dei giovani (e non solo) narrando (a cominciare dal romanzo Twilight) della tormentata storia d’amore fra l’umana Bella Swan e il vampiro Edward Cullen. Un mix azzeccatissimo, il suo, che si è trasformato in un tormentone, in un fenomeno mediatico e non solo, soprattutto da quando Hollywood ha deciso di trasformare i suoi libri in altrettanti film, trasformando due attori giovani e sconosciuti come Robert Pattinson e Kristen Stewart in due star seguite e osannate da milioni e milioni di persone.

Da qui in poi il mito del vampiro non ha più avuto momenti di “buio” e di pausa, per così dire. La letteratura è nuovamente esplosa, per quanto riguarda questo genere, con libri su libri che parlano di vampiri, passando anche per la nona arte (i fumetti), per le serie animate (i cartoni) e concludendo con ciò che più ci piace, ossia film e serie tv, che hanno continuato a produrre pellicole ed episodi basandosi o sui romanzi trovati in libreria oppure inventandosi trame e sceneggiature per conto proprio. Famosissimo, per dirne uno, è il serial The Vampire Diaries, con protagonisti i fratelli vampiri Damon e Stefan Salvatore e la bella ragazza umana Elena, di cui entrambi (ovviamente) sono innamorati.

Tutto ciò, quindi, per chiedere “scusa”, da una parte, a coloro che invece i belli dai canini aguzzi non li amano per niente, informando, dall’altra, tutti quelli di voi che al contrario li amano di ciò che si mormora oltreoceano… Ossia alla decisione di trasformare Dracula in una serie tv in onda sulla rete NBC, la quale (con grande motivazione) si è impegnata a dare spazio a questo nuovo progetto per una stagione intera, la prima (valutando così l’impatto con il pubblico). Ben tredici episodi che di sicuro ci appassioneranno a partire dal primo (già me lo immagino), colpendoci al cuore senza pietà. Cosa non facile, del resto, sebbene la storia di Dracula non sia ancora stata raccontata in termini di telefilm. E se la maggior parte del mondo è stata capace di innamorarsi di due sconosciuti come Bella ed Edward, cosa mai accadrà nel seguire la love story fra il vampiro più vampiro di tutti e la sua amata, elegante e a tratti irraggiungibile Mina?

Come si intitolerà la serie di preciso non lo sappiamo ancora, così come ancora non sono stati ufficializzati i nomi degli interpreti e così, via, ma da quello che si legge in giro sappiamo con certezza che Dracula non sarà il “vecchio” e affascinante signore che appare nei film, descritto dal romanzo di Stoker, bensì (forse per stare al passo coi tempi) apparirà giovane e sexy. Giovane, ovviamente, per modo di dire, ma in definitiva con un aspetto assai più accessibile alle ragazze (non solo alle donne)…

Io, inutile dirlo, non vedo l’ora… per quelli che invece stanno sbuffando, beh… portate pazienza!