Festival di Sanremo 2012: Adriano Celentano a sorpresa fra gli ospiti!

spet_11932890_56390-thumb

Era ora che il nostro “molleggiato” preferito (uno e unico!) tornasse a farsi vedere, dico bene? Certo, noi lo preferiamo quando è il solo protagonista o quando (silenzi e pause comprese) ha il tempo di esprimersi in tutto e per tutto, ma come sempre in questi casi dobbiamo far buon viso a cattivo gioco e godere di quel tot di spazio che gli sarà concesso durante il Festival di Sanremo 2012, dove sarà il super-ospite! Ad annunciare tale notizia, portando gioia ai fedelissimi fan di Adriano Celentano, è stato il Direttore Artistico Gianmarco Mazzi insieme al conduttore Gianni Morandi durante la conferenza stampa tenuta per presentare la kermesse in questione. Il noto e adorato cantautore salirà dunque sul famigerato palco dell’Ariston cogliendo l’occasione per parlare del suo nuovo album Facciamo Finta Che Sia Vero, tenendoci però all’oscuro fino all’ultimo sulla modalità in cui questo accadrà.

La cosa certa (e forse ovvia, tenendo conto di chi stiamo parlando) è che Celentano avrà carta bianca per poter fare tutto ciò che vuole con piena fiducia da parte del collega Morandi, a dir poco felice e anche un po’ commosso che Adriano abbia accettato l’invito. Non si sa ancora, però, se quest’ultimo farà il suo strepitoso ingresso durante la prima sera o se gli organizzatori, d’accordo con lui, lo riserveranno per l’ultimo giorno, così da chiudere con il “botto” al di là del decretare il vincitore della manifestazione canora. Questo perchè tutti ben sappiamo, come sottolinea l’amico Gianni, che Celentano è il numero uno, colui che chiunque vorrebbe come ospite, come presenza anche solo fugace… per non parlare dei picchi di ascolto che senza dubbio farà, indipendentemente dall’andamento complessivo del festival.

Restiamo quindi in attesa (e ora ancor più in trepidazione) di questo Sanremo 2012, il quale dal 14 al 18 febbraio dovrà dimostrare come sempre di non aver perso lo spirito con il quale è nato, donandoci belle canzoni, belle esibizioni, pochi (se possibile) “teatrini” noiosi e la prova che propinarci nuovamente Gianni Morandi non è stata una cattiva idea. Poi, ovvio, i gusti sono gusti, la routine non piace a nessuno e non esiste legge che ci impedisca di sognare una “botta di vita” che potrebbe giungere solo grazie a un ritorno al timone da parte di Paolo Bonolis o alla sospirata decisione di affidare tutto l’ambaradan in mano a un mattatore del calibro di Fiorello…