Giuliano Ferrara: torna in tv per difendere il Cavaliere

giuliano-ferrara-tg1

Il direttore del Foglio, Giuliano Ferrara, torna in televisione a partire dal 14 marzo, precisamente su Rai Uno, a prendere il posto che era stato per lungo tempo di Enzo Biagi con Il Fatto, alle 20 e 30 subito dopo il Tg1, prima che venisse allontanato definitivamente dal piccolo schermo dall’editto bulgaro.

Ci racconta come sarà il suo Qui Radio Londra (questo il nome della trasmissione) tramite un’intervista rilasciata a Goffredo De Marchis, giornalista di Repubblica.

Guadagnerà tremila euro a puntata, 15 mila euro a settimana, partendo da un contratto di due anni.

Una delle prime domande di De Marchis riguarda il Bunga Bunga: è uno scandalo sapere di Berlusconi quello che sappiamo. La crociata neopuritana è la vergogna dello Stato italiano, risponde Ferrara.

E subito dopo, sul caso Rubi:il cavaliere mi darà mille occasioni per parlare male di lui, ma lo difenderò senza ipocrisie.

Riguardo al confronto con il grande giornalista Enzo Biagi afferma: il successo di Biagi non è colpa mia, l’avrò visto due volte in tutto.

E se fa flop? Domandona finale. Vedo già i titoli di alcuni giornali: Ferrara non fa ascolto, gli spettatori scappano, ribatte il direttore del Foglio.

Non perdiamo quindi il debutto di Qui Radio Londra e i suoi pochi minuti di spazio. Anche solo per vedere se i pronostici scaramantici di Giuliano Ferrara, riguardo ai titoli di riviste e quotidiani, verranno smentiti o subito confermati.