Parenthood Serie tv: la famigliola "felice" dal 5 luglio 2011 su Canale 5!

image25040

Conoscere alti e bassi delle famiglie allargate e saperne trarre il giusto spunto per una serie tv. Ecco la forza di Parenthood, la nuova serie drammatica la cui prima stagione sta per approdare su Canale 5, dopo esser stata trasmessa da Mediaset Premium. Spiare da dentro il buco della serratura i vizi e le virtù delle famiglie è una cosa che il telespettatore solitamente ama fare, ma gli intrighi familiari saranno abbastanza per incollare al teleschermo i telespettatori nelle bollenti estati estive? Stando ai dati auditel americani sembrerebbe di sì. La serie ha battuto ogni record di ascolti e, proprio per tale ragione, si pensa già all’uscita di un sequel. Al timone della “ciurma”, Zeek e Camille, i due arzilli anziani della famiglia, i quali hanno quattro figli. Adam è sposato con Christina e la coppia possiede, a sua volta, due figli: Haddie e Max. Giulia è l’altra figlia che ha sposato Joel ed i due hanno dato alla luce Sidney. Sarah, invece, è una mamma single, alle prese con due pargoli: Ambra e Drew. Ed, infine, l’ultimo figlio della numerosa famiglia è Crosby che ha per compagna Jasmine, e la coppia, sebbene ancora non sposata legalmente, ha un figlio: Jabbar. Capirete come mettere tutti d’accordo non sia proprio un gioco da ragazzi…

Camille è la matriarca dalla famiglia, interpretata da Bonnie Badelia. E’ lei che, col suo carisma, forgiato da anni di fatica nel sopportare i figli ed il marito, cerca sempre di conciliare le divergenze e di tenere ben saldo il nucleo. Zeek, il marito, è interpretato, invece, da Craig T. Nelson che col suo piglio ironico ha dato moltissimo allo show. Veterano del Vietnam adesso in pensione, non gli è rimasto altro che la famiglia. Peter Krause veste i panni di Adam, Erica Christensen quelli di Julia, Lauren Graham quelli della mamma single Sarah (sì, proprio la star di Una mamma per amica!) ed, infine, Dax Shepard quelli di Crosby.

Lo show inizia col ritorno di Sarah a Berkely, città nella quale vive tutto il resto della famiglia. Decide di avvicinarsi ai genitori a causa di problemi finanziari. Inizialmente tutti l’accolgono con entusiasmo, ma sarà sempre così? Il suo arrivo romperà gli equilibri familiari? Anche i fratelli di Sarah, del resto, hanno le loro gatte da pelare. Julia ha una brillante carriera: è un impeccabile avvocato; peccato che debba dividersi tra lavoro e famiglia, avendo avuto da poco un bebè e la cosa, si sa, non è affatto semplice… Crosby, il minore, è un dongiovanni che non ama prendersi troppo sul serio e che, quando sente la parola affidabilità o responsabilità, scappa a gambe levate. Il sapere di avere un figlio di cinque anni cambierà la sua visione superficiale della vita? Ed, infine, troviamo Adam, un padre davvero adorabile, ma con un figlio molto problematico che richiederà le sue più care attenzioni: è malato d’autismo.

Parenthood ha riscosso successo perché è un vademecum per tutti i piccoli e grandi problemi quotidiani; perché, attraverso il piccolo schermo, possiamo vedere un problema comune da una diversa prospettiva e perché ci aiuta, in fondo, a comprendere che le divergenze ed i litigi possono essere all’ordine del giorno, ma anche che, se i rapporti sono solidi ed i sentimenti sinceri, si può sempre trovare modo e maniera per uscire dai guai! Non perdete, questa sera, Parenthood, in prima serata su Canale 5!

httpv://www.youtube.com/watch?v=7QFggD0owgo&feature=related