Quarto Grado Rete 4 Puntate: dal 9 settembre 2011, il vostro Ris mediatico

454747

Quarto Grado torna, reduce dal successo sfolgorante della passata stagione. Merito del programma o dell’attenzione mediatica che hanno avuto casi quali Sarah Scazzi, Melania Rea o Yara Gambirasio? Indubbiamente, per chi è appassionato di criminologia o anche per chi è semplicemente curioso, Quarto Grado è uno dei migliori approfondimenti sulla cronaca nera nostrana, con tante interviste ai protagonisti, ricostruzioni chiare ed interessanti ed ospiti qualificati. Nel promo della nuova stagione, in arrivo a settembre, vediamo Salvo Sottile e Sabrina Scampini percorrere strade metropolitane. Quarto Grado, infatti, acquista sempre di più un’impronta americana, alla Csi, per intenderci. La prova: le “dimostrazioni pratiche” che, da settembre 2011, si svolgeranno negli studi del format. Come si rilevano le impronte digitali? Come si repertano gli oggetti? Le piccole introduzioni di quest’anno all’analisi scientifica sono state un antipasto. Il pranzo, il secondo ed il dolce verranno serviti tutti assieme a settembre e Sabrina si troverà in un’apposita postazione a destreggiarsi tra gli strumenti del mestiere. Il pubblico diventerà sempre più esperto di metodologie d’indagine, un po come quest’anno si è abituato a sentir parlare di “celle telefoniche” ed “analisi dei tabulati”.

Il successo di Quarto Grado ha addirittura spinto Rete 4 a proporre uno spin-off. Di cosa parlerà? Approfondirà solo alcuni aspetti della cronaca e, per caso, toglierà ascolti al veterano Quarto Grado? Rete 4, insomma, si trasformerà in una rete in prima linea sul crimine e sui fatti di cronaca. La trasmissione, come saprete, ha ricevuto pesanti contestazioni. C’è chi sostiene che “sfrutti” le vicende macabre e chi (Gerry Scotti) ritiene che sia solo un trasmissione che propini la morte. Insomma, neanche Gerry ha tollerato che la frizzante e vitale Corrida venisse “mortificata” dagli ascolti di Quarto Grado.

Ma, in un certo senso, se la trasmissione piace al pubblico e viene seguita, chi siamo noi per giudicare? In fondo, è un approfondimento su casi di cronaca. Se i telespettatori fossero maggiormente interessati a comprendere la follia che dilaga ultimamente, alquanto preoccupante, invece che ridere alle solite gag comiche, ci sarebbe qualcosa di male? La paura della morte è un fantasma ancestrale che ci portiamo dentro da secoli. La morte fa rumore perchè è temuta. E l’unico modo per esorcizzare questo incubo comune è parlarne e riparlarne. E Sottile lo sa; infatti va avanti a testa altra, infischiandosene delle critiche. Bravo!

httpv://www.youtube.com/watch?v=NBQHbV5EFaw