Revenge 2×06 Recensione: finché morte non ci separi…

Revenge-Grayson-Wedding

Che gabbia di matti questi Grayson! Secondo me sono i genitori di Toby di Pretty Little Liars, ecco perché egli si è messo a stalkizzare ragazzine! O forse sono i genitori di Dexter, che è cresciuto con gli istinti omicidi nel sangue. Quante volte si sono risposati? Mi chiedo: ma ogni volta inviteranno la stessa gente? Voglio dire, non è che in quella zona costiera di lusso ci abitino in tanti. Ed ogni volta gli avranno fatto un regalo? Di certo, nessun regalo è più azzeccato di quello che Conrad ha consegnato alla sua Victoria. Mi son chiesta se non facesse meglio ad usarla subito sul marito e metter fine alle sue pene…

Non so se seguiate Pretty Little Liars, ma A è arrivata negli Hamptons. E finalmente abbiamo avuto un resoconto delle azioni illegali, visto che Marlene King ha sempre promesso al vento di mostrarci come monA abbia potuto essere ovunque, dotata di un sarcastico dono dell’ubiquità. Dobbiamo anche ammettere che Emily ci sa fare. Ma ogni volta i suoi piani vanno all’aria a causa dei soldi. Eh, i soldi… Rovina del mondo e causa del dolore della piccola Amanda. Come staremmo se quella principesca villa fosse stata costruita con gli stessi soldi che hanno incastrato e disonorato il padre che amavamo? Forse la vendetta sarebbe davvero l’unico modo per ripagare i nostri aguzzini con una moneta che non puzzi di tradimento…

Alla fine mi è dispiaciuto per Kara Clarke, perché le è accaduto ciò che in fondo è successo a Victoria Greyson. Perdere in circostanze traumatiche l’uomo della sua vita. Peccato che Victoria sia stata una doppiogiochista senza scrupoli, il che la esonera dall’essere amareggiata. La sua serafica potenza ammaliatrice è davvero agghiacciante. Nonostante tutto, saremmo in astinenza senza i suoi sguardi che nulla lasciano intendere, tranne una cosa: che in qualche modo, nel suo modo, l’amore per David Clarke era sincero…

Finalmente sto digerendo la relazione Amanda-Jack che inizialmente mi sembrava l’ennesimo torto del destino, fatto ad Emily. Tuttavia, tutti hanno il diritto di essere felici, Jack in primis, che con l’arrivo del bambino sembra credere in un futuro roseo. Ma anche questa è un’illusione… Il suo nuovo socio, infatti, è solo l’ennesimo lupo vestito da agnello che calpesterà i suoi stessi passi. Ma la proposta di matrimonio di Jack è stata pura e toccante!

Vivere nell’illusione sembra un’abitudine comune negli Hamptons. Kara s’illudeva di riabbracciare il suo Gordon. Victoria di liberarsi dai guai. Daniel di essere un uomo migliore ed Emily di aver finalmente depistato Mason. Ma il genio perverso di questo cacciatore di news è riuscito a legare i due tasselli del suo puzzle vendicativo che si congiungono proprio nel luogo nel quale la vendetta ebbe inizio, in quel riformatorio nel quale Emily diventò Amanda ed Amanda Emily. Sono sempre i dettagli a sfuggire… Riuscirà Mason a mandare all’aria la copertura di Emily? O il destino vorrà che questa vendetta si compia, donando alla vera Amanda l’illusione di una vita normale, all’ombra della sua ben ordita vendetta?