Ringer Telefilm 2011: Sarah Michelle Gellar nel dramma…

ringer

Amate le serie tv al cardiopalma? Allora, non potete perdervi il nuovo serial targato Abc, con un’imperdibile protagonista, la bravissima Sarah Michelle Gellar! Finalmente la bionda attrice torna al serial, dopo aver conquistato il pubblico con la sua adrenalinica interpretazione di Buffy l’ammazzavampiri, nell’omonimo telefilm fantasy. La prima puntata è andata in onda pochi giorni fa negli Stati Uniti ed ha già mostrato il suo potenziale thriller! La trama, invece, ricorda molto quella di un’altra serie targata Abc, The Lying Game. Le ragioni di una tale somiglianza a livello di plot? Sconosciute. Ciò che è certo è che gli spettatori, molto probabilmente, prediligeranno il serial con protagonista Sarah Michelle Gellar, un volto già noto ed amatissimo dagli amanti dei telefilm! La storia riguarda due sorelle gemelle, interpretate dalla stessa Gellar: Siobhan e Bridget. Due nomi e due destini. La prima è, infatti, moglie di un uomo di successo, Andrew e vive nell’agio più sfrenato. La seconda, invece, ha un passato da tossicomane e tanti guai con la giustizia. Ma il pilot ci mosterà che, come spesso accade, non è tutto oro quello che luccica. Chi ha la vita più incasinata, alla fin fine? Bridget è in grossi guai. Ha assistito, anni addietro, ad un terribile omicidio. E’ l’unica testimone oculare che può inchiodare il colpevole. La sua vita è un vero inferno. Dopo anni di rapporti tesi, Bridget incontra, finalmente, la sorella Siobhan. Le due decidono di svolgere una rilassante uscita in yatch. Bridget si addormenta, ma, al risveglio, di Siobahn non c’è traccia. Per terra, solo una scatola di psicofarmaci con all’interno il suo anello di fidanzamento. Bridget è sconvolta; si getta in mare, ma non trova Siobhan. Poi, le viene in mente una grande idea che potrebbe toglierla dai suoi impicci: appropriarsi della vita della gemella. Così, si lega i capelli e si reca alla lussuosa villa di Siobhan, decisa a vivere la sua vita perfetta ed estranea ai guai. Si renderà ben presto conto, però, che Siobahn era tutto tranne quella “nobildonna” che voleva far credere. Non amava il marito che la manteneva e lo tradiva col fidanzato della sua migliore amica, Jemma. Odiava la figlia di Andrew ed era persino rimasta incinta del suo amante. Insomma, vestire i panni di questa sorella complicata non è affatto facile. Ben presto, si scopre che Bridget non è il mostro che i suoi trascorsi esperienziali vorrebbero far credere.

Ma siamo certi che Siobhan sia morta? E se avesse messo in piedi una messa in scena per catapultare la sorella sventurata nella sua vita pericolosa? Non voglio svelarvi la sorpresa; vi dico solo che la scena finale del pilot risponderà a questo quesito! E vi farà venir voglia di visionare la seconda puntata di Ringer. Come se non bastasse, poi, l’assassino è uscito di prigione ed è in cerca dell’unica testimone oculare che può inchiodarlo, poiché deciso ad eliminarla. E pare, che per rintracciarla, partirà dalle persone più vicine a lei…

Intrighi, segreti, colpi di scena, thriller e dramma; tutto quello che piace ai telespettatori rimasti “orfani” di Pretty Little Liars. Dimenticavo: visionate anche The Lying Game e ditemi che ne pensate. Scommetto che l’interpretazione di Sarah Gellar farà la differenza! Buona visione!

httpv://www.youtube.com/watch?v=1JPa62z20Zw&feature=player_embedded