The River Serie Tv 1×08 Recensione: una fine ed un inizio!

the-river-1x08-emmet-cap-05_mid

Gli otto episodi dell’inquietante mockumentary The River si sono susseguite velocemente, con frangenti davvero sconvolgenti. Tra morti, non morti, resurrezioni e possessioni, Tess, Kurt,  Lincoln, Aj, Jahel, suo padre, Emmett, Clark e Lena erano quasi in salvo, dritti verso l’uscita dalla Boiuna, origine e covo di tutti i mali.  Ma la guerra demoniaca non sembra essersi arrestata con la fine della prima stagione di The River

Emmett aveva finalmente riabbracciato Tess e Lincoln. Tutto sembrava indicare un normale ritorno a casa dopo giorni d’orrore. All’improvviso, un traditore tra l’equipaggio tenta d’uccidere, con un colpo di pistola, Emmett che, però, viene salvato da Lincoln. Il proiettile gli trapassa la gola ed il rude ma generoso figlio dell’esploratore cade a terra, senza vita. Tutti sono sconvolti, finché Jahel, dotata di un particolare dono, non propone a Tess e ad Emmet d’invocare proprio lo spirito della Boiuna, affinché riporti indietro Lincoln. Cole si oppone perché sa che risvegliare il potente spirito demoniaco può portare solo guai. Tess, però, prende da parte Jahel e si dichiara pronta a riportare in vita il figlio, a qualunque costo.

Le sequenze successive potrebbero essere accostate ai più spaventosi film sulla possessione, quali l’Esorcista o l’Esorcismo di Emily Rose. La seduta spiritica, a cui partecipano Tess e Jahel, allo scopo di riportare in vita Emmett, altro non è se non il primo degli avvenimenti demoniaci che tengono gli spettatori col fiato sospeso nel corso dell’episodio. Lincoln torna in vita, ma a che prezzo?

Già il fatto che esprima palesemente il bene per un padre sempre osteggiato, ci fa dubitare del fatto che tutto sia andato liscio. Ne abbiamo la conferma quando Lincoln o, meglio, lo spirito malefico della valle che adesso vive dentro di lui uccide a sangue freddo Jonas, colui che ha tentato di uccidere Emmett e che gli ha sparato per sbaglio. Cole comprende la malvagità che dimora nel figlio quando scorge il suo sguardo malefico in una registrazione difettata…

Deciso ad impedire che la malvagità vinca su Lincoln, Emmett si prepara ad una seduta spiritica, alquanto scioccante per i telespettatori. Lo spirito si dimena nel corpo inerme di Lincoln, contorcendolo e torturandolo ed il demone rivela persino dettagli scandalistici (ma quanto sono pettegoli gli spiriti cattivi). Nessun tentativo di far uscire quell’entità immonda dal corpo del figlio va a buon fine, finché Kurt non consiglia ad Emmett di parlare al cuore di Lincoln, invitandolo a lottare contro la cosa che si è impossessata di lui. Così accade e dopo ulteriori sequenze di possessione davvero forti, il demone lascia in pace Lincoln, ma dichiara guerra all’intero equipaggio. Quale guerra? Ad esempio quella che prevede, come prima mossa, il cambio di conformazione del Rio per impedire che il gruppo torni a casa, sano e salvo!

Quali altre avventure demoniache, magiche ed inquietanti vivrà l’equipaggio della Magus nella seconda stagione di The River?